top of page

1.12.2 Su Field Caso studio

Nei processi elettrolitici per la produzione di rame puro, una piccola quantità di elettrolita rimane nei pori superficiali che, durante l’immagazzinamento, evapora e crea delle macchie di ossido. Questo fatto è fonte di scarti, a causa dei difetti estetici sulla superficie delle lastre. Per cercare di contenere le perdite, le lastre vengono lavate prima di essere stoccate in magazzino, ma il processo non riesce a rimuovere totalmente l’elettrolito a causa delle piccole dimensioni dei pori. Come può essere migliorato il processo di lavaggio?


1. Identificare gli elementi


Elettrolita = S1

Acqua= S2

Processo di lavaggio meccanico = FMe


2. Costruire il modello


In questo caso si ha un effetto desiderato insufficiente


3. Individuare le soluzioni tra le 76 Soluzioni Standard


Una delle soluzioni standard suggerisce di aggiungere un campo F per intensificare l’effetto di lavaggio


4. Sviluppare un concept per concretizzare la soluzione


Esistono diverse possibilità per campi in grado di intensificare l’effetto del lavaggio: un campo meccanico generato usando ultrasuoni un campo termico generato da acqua calda un campo chimico che utilizza tensioattivi per dissolvere l’elettrolito un campo magnetico per magnetizzare l’acqua e migliorare il lavaggio


5. Ripetete il processo tornando al passo 3, prendendo in considerazione altre soluzioni standard e per ognuna di esse sviluppate concept che concretizzino l’idea (passo 4).


Analizzate tutte le possibilità. Chiedetevi sempre: “cosa…?”.


3.1 Individuare soluzioni alternative tra le 76 Soluzioni Standard Inserire una sostanza S3 ed un altro campo F2


4.1 Sviluppare un concept per concretizzare la soluzione FTh è la pressione e S3 è il vapore . Utilizzare vapore surriscaldato (acqua sotto pressione a temperature maggiori di 100°). Il vapore viene forzato nei pori, provocando l’uscita dell’elettrolita. La suddivisione di un problema complesso in sottoproblemi più piccoli è un processo comune: l’analisi Su-Field può essere utilizzata sia a livello macro come pure a livello micro.


Ogni diversa opzione di campo (o di sostanza, o di sostanza derivata, etc.) rappresenta un modo alternativo di superare l’ostacolo dovuto all’inerzia psicologica che blocca la generazione di idee innovative. (l’utilizzo di modelli generali del problema permette di ottenere modelli generali di soluzione svincolandosi dai limiti inconsciamente auto-imposti dall’inerzia psicologica.) L’analisi Sostanza-Campo rappresenta l’innovazione strutturata a supporto dell’identificazione di idee innovative. La definizione di concept in grado di dare concretezza al modello di soluzione generato è il compito precipuo degli strumenti “basati sulla conoscenza”, o “knowledge-based”. L’identificazione della generazione successiva di sistemi tecnologici offre un tipo di sfida innovativa differente e offre un modo diverso per innovare.

 

Testo estratto da: Innovazione sistematica - un'introduzione a TRIZ, la teoria per la soluzione dei problemi inventivi - John Terninko, Alla Zusman, Boris Zlotin Traduzione di Sergio Lorenzi



24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Yorumlar


Post: Blog2 Post
bottom of page